Strategia “Morning Spike” nelle Penny Stocks

I movimenti repentini ad inizio sessione sono tipici nel mercato delle Penny Stocks; traders e investitori prendono subito una presa di posizione in modo da assicurarsi
un’entrata a un prezzo vantaggioso. Molte di queste azioni (di piccolo valore), infatti, possono variare di prezzo in maniera rapida e in grande percentuale! Questo è il motivo per sviluppare una strategia basata sui morning spikes.
Ecco qui i singoli passi specifici per poter applicare una strategia di questo tipo, “step-by-step”:

1°) Identificare l’azione
2°) Identificare il catalyst
3°) Visionare i livelli chiave
4°) Preparazione e impostazione trade
5°) Entrata a mercato

Analizziamo nello specifico:
1°) Identificare l’azione:
Essenziale prima di applicare la strategia e assicurarsi di tradare la giusta azione! Per fare ciò è bene fare una ricerca tramite gli screener disponibili tramite internet o tramite alcuni softwares;
un sito molto buono per analizzare e scansire certe azioni, tra le migliaia e migliaia che esistono nei mercati, è www.FINVIZ.com e ordinare le azioni per maggior % di guadagno, ciò il primo step per poter identificare le azioni calde;
Un altro modo (più dinamico) è analizzare le azioni che hanno avuto variazioni grandi in (pre-market o after-hours), cioè dopo la chiusura di mercato della sessione precedente e prima dell’apertura della sessione attuale giornaliera. (un buon sito è >> qui <<)
Anche la mia watchlist è utile per identificare e visionare le azioni di riferimento! Un software invece è Thinkorswim, che permette di visionare e scansire le azioni [potete aprire un conto demo].

2°) Identificare il catalyst:
Altro step importante per poter tradare un’azione con maggiori probabilità di spike; analizzare il catalyst è inanzitutto identificare le notizie che stanno alla base dell’azione, per esempio tramite Yahoo Finance. Saper riconoscere azioni che hanno notizie quali una stipula di contratto o degli utili aziendali è ottimo! Altre azioni invece non hanno notizie o semplicemente sono notizie poco rilevanti, queste sono meno notevoli per degli spike ad inizio sessione;
Un altro elemento è identificare il Float, e si fa tramite il sito Yahoo Finance nella sezione “Key Statistics”; qui ad esempio il link con l’azione BCEI di riferimento (colonna a destra, 2° riquadro). Più il float è basso più si può presentare uno spike forte!

3°) Visionare i livelli chiave:
Dopo aver fatto un’analisi “fondamentale” dell’azione, è bene identificare i livelli chiave; si procede analizzando il grafico giornaliero e tracciando i maggiori supporti e resistenze, per poi scendendo di timeframes e avendo così una visione più chiara del movimento globale dell’azione; analizzare anche il comportamento passato dell’azione è importante perchè i traders tendono a ricordare movimenti grandi (i patterns tendono a ripetersi).
A volte può presentarsi un rimbalzo quando il prezzo si avvicina a un supporto con un conseguente spike!

SMSI - buy on support rebounce after gap up oon this good CW-EW + anti-Tim Strategy Short + miday buy on ABCD pattern [Tim Sykes] (14-01)
Altre volte può presentarsi una rottura repentina di resistenza.

Articolo per spikebility
4°) Preparazione e impostazione trade:
Dopo aver identificato i vari punti, bisogna prepararsi all’entrata, per fare ciò è bene identificare i livelli di “stop loss” e di “take profits”, il RR e la dimensione in azioni per entrare nel trade;

5°) Entrata a mercato:
Saper leggere il level 2 inoltre da informazioni utilissime per poter entrare al moment giusto (vedendo infatti la diminuzione o l’aumento dei traders in certi punti aiuta molto).
Fatto ciò e definendo bene il rischio, si entra a mercato e bisogna essere veloci nel ragionamento e flessibili; per esempio se la price action è fortissima e continua a rompere resistenze a rialzo, si può anche indulgiare nel prendere subito profitti; d’altro canto se la price action è debole e fa fatica a rompere certe resistenze si può uscire dal trade prematuramente.
Ricordare che la maggiorparte delle volte può funzionare, ma quando non succede è bene uscire dal trade subito e non “sperare in un rialzo”. Avere sempre un approccio professionale e in probabilità!


buon trading! … lasciate un commento qui sotto e fatemi sapere la vostra opinione/esperienza a riguardo!

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter + 4 Video Gratuiti